maggio 15, 2017 Eventi

Arriva la carne creata in laboratorio.

Non è uno scherzo, è stata annunciata nel lontano 2013, ma oggi diventa realtà.

Ad annunciarlo è l’azienda americana Memphis Meat, che ha come suo prodotto di punta la carne di pollo ma senza pollo!
Ma come viene creata la carne in laboratorio?

Si parte dal prelevare dal muscolo una cellula staminale, che verrà coltivata su impalcature speciali fino a formare dei filamenti di tessuto. Ne servono oltre 20.000 per fare una polpetta o un hamburger. Ad oggi l’azienda produce carne pollo e anatra, il loro obiettivo è quello di produrre carne in modo sostenibile per l’ambiente, cambiando il modo in cui questo alimento arriva sulle nostre tavole.

Ma siamo sicuri che questa sia la via migliore da intraprendere in un futuro prossimo?

Per contrastare gli allevamenti lager. La carne che viene prodotta da questo tipo di allevamenti, è una carne “scadente” una carne “stressata“, per questo poi nascono le aziende come la Memphis Meat, per cercare di contrastare queste aziende che agiscono in modo totalmente sbagliato, incuranti delle norme igienico sanitarie e delle norme che regolamentano la nascita e la crescita di questi splendidi animali.

Noi a La Pampa scegliamo i nostri fornitori in base a molteplici fattori, vogliamo che la ciccia che vi verrà servita sia un’esperienza.

Ciò che noi mangiamo è ciò che quell’animale ha vissuto, e se il bovino ha avuto una bella vita, fatta di mangime giusto, spazi aperti e rispetto per se stesso, mangeremo una carne ottima che sicuramente non dimenticheremo.

Questo è ciò che al nostro ristorante cerchiamo di fare, il rispetto nei confronti dei nostri clienti parte dalla scelta del cibo che poi gli andremo a servire, e su questo non ci piace scherzare, perchè è un lavoro duro al giorno d’oggi, dove l’esperienza ti aiuta a scegliere dalle verdure alla pasta fino al nostro prodotto di punta la carne, solo e ripeto solo il meglio!

Vi lasciamo con il parere di Anthony Bourdain che condividiamo.
Buon appetito,

La Pampa

 

Back to top